Greta Thunberg all'Onu, lacrime di rabbia contro leader: "Mi avete rubato i sogni e l'infanzia"



“Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia”: è quanto ha detto, in lacrime, la 16enne attivista svedese Greta Thunberg, parlando al summit sul clima in corso all’Onu. “Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi, e se sceglierete di fallire non vi perdoneremo mai”, ha aggiunto, attaccando i leader mondiali. Thunberg ha concluso il suo discorso sottolineando che “il mondo si sta svegliando e il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”.

Abbonati a Repubblica: . Podcast, inchieste, newsletter e tanto altro.

source

Author: La Repubblica

32 thoughts on “Greta Thunberg all'Onu, lacrime di rabbia contro leader: "Mi avete rubato i sogni e l'infanzia"

  1. Certo che fare discorsi sull'ambientalismo quando la gente perde il lavoro fa davvero risvegliare i peggiori istinti omicidi. Cioè ma vi pare il caso? Ma perché questa scappata di casa non parla di questo? E lei meriterebbe il premio Nobel? Ma cos'è sta farsa scusatemi? Lo Stato italiano investe miliardi di euro in politiche green mentre l'economia tracolla? Cioè a questo punto mi sento preso davvero preso per i fondelli.

  2. Thunberg under criminal investigation in India after a gaffe revealed the policies of those who manipulate her

    The Thunberg, or rather whoever maneuvers it, made it big this time. Usually a sort of guide is published every week for its followers in which they give indications of who to strike or exalt in communications via social media. Except that, for a sensational gaffe, the wrong program was published, which indicated a big, very big political goal:

    Teenage climate activist Greta Thunberg posted a Twitter document containing the tweets she was told to post and the actions she should take regarding the current protests in India. She has canceled.

    Practically, in the first program it was asked to follow Rihanna, relaunching her, in attacking the Indian government of Premier Modi and in giving space to the large demonstrations taking place in the subcontinent by the peasants

  3. LiBERTAD PARA los HIJOS PRESOS Políticos
    Cada Madre Tiene Derecho a DEFENDER su HIJO

    FUERA DE CUBA Castros- Díaz Canel
    POR TODOS SUS CRIMENES ,
    CADA MADRE y FAMILIA CUBANA LoS JUZGARAN HASTA EL DIA DE SUS MUERTE

    VIVA cuba libre
    Abajo la dictadura
    PATRIA y ViDA

  4. Se vuole parlare di ecologia soltanto il suo elastico x capelli è inquinante ….
    Dai quanti elastici ci saranno nel mondo miliardi ???
    Anche quelli sono fatti di plastica cara bambina e anche il cellulare che probabilmente possiede è fatto con materie altamente inquinanti quindi ,tornatene a casa buffona

  5. Chissà il conto in banca dei genitori di gretuccia da quando loro figlia è diventata paladina di giustizia a quanto ammonta… E in altri continenti c'è chi piange che non ha acqua e cibo

  6. Un esempio fantastica 💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯🌍💯💯💯💯💯💯💯🌍💯💯💯💯💯💯💯🌍✌💯💯💯💯💯💯🌍🌈☮👏💯💯💯💯💯💯🤞👈

  7. Gretsa oggi: Il cambiamento climatico non è soltanto un problema, ma è soprattutto un’opportunità per creare un pianeta più sano,

    più verde, più pulito, per il beneficio di tutti. Dobbiamo sfruttare questa opportunità, e ottenere un risultato “win-win”, ai fini della protezione dell’ambiente a pari passo con uno sviluppo economico di qualità.

    La lotta al cambiamento climatico richiede tutta la nostra capacità di innovazione, cooperazione e determinazione per realizzare quei cambiamenti di cui il pianeta ha bisogno. Con fatti e non solo parole, tutti insieme ce la faremo.

    Le parole “cambiamento climatico”, a voi cosa evocano? A me fanno pensare “posti di lavoro”, di lavoro green, molto green. Occorre trovare una transizione morbida verso un’economia a emissioni ridotte. Non abbiamo un pianeta B.

    Non abbiamo un pianeta bla – bla bla bla, bla bla bla… Non parliamo di un costoso gesticolare di correttezza politica green e accarezza-cuccioli o bla bla bla… Ripartiamo col Recovery bla bla bla… Economia green bla bla bla… Zero netto al 2050 bla bla bla… Zero netto bla bla bla…Impatto zero bla bla bla…

    Sono queste le cose che sentiamo dalle bocche dei nostri presunti “leader”. Parole, tante parole, tutte ad effetto, ma che finora hanno portato a zero fatti. Annegano i nostri sogni e speranze nel loro oceano di parole e promesse vuote. Certo, occorre ingaggiare un dialogo, ma siamo ormai a trent’anni di bla bla bla, e a cosa è servito?Oltre il 50% della CO2 in atmosfera è stata rilasciate dal 1990 ad oggi. Dal 2005 ad oggi addirittura il 33%. E mentre avveniva, i media ci riportano solo quel che i leader dicono che faranno, anziché cosa realmente stanno facendo. E poi nessuno gliene chiede comunque mai conto di quello che fanno, o meglio: non fanno.

    Ma non fraintendiamoci: possiamo ancora farcela. Non solo è possibile cambiare, è ormai un’urgente necessità – ma non ne verrà nulla se continuiamo come qui oggi. Dicono che stanno cercando “soluzioni”, ma non si può risolvere una crisi senza prima comprenderla. Non si arriva a un budget veritiero se omettiamo di contare tutte le cifre.E finché continuiamo ad ignorare il principio di equità e le emissioni storiche, finché non includiamo i consumi d’importazione, le emissioni da biomassa, ecc. ecc. e finché le più efficaci soluzioni per abbattere le emissioni saranno i trucchi contabili, resteremo fermi al palo.

    La crisi climatica, lo sappiamo, è solo il sintomo di una crisi molto più grossa. Siamo in crisi di sostenibilità, in crisi sociale, in crisi di disparità ereditate dal colonialismo ed oltre. È una crisi fondata nel pregiudizio che vi sono persone che valgono più di altre, e che quindi di diritto possono sfruttare e rubare le terre e risorse altrui. Ed è il colmo di ingenuità pensare che questa crisi si possa risolvere senza doverne affrontare le radici. E così, ad oggi siamo ancora in corsa folle verso il precipizio. Le previsioni per le emissioni di quest’anno parlano di un’innalzamento quasi senza precedenti, e solo il 2% circa dei vari Recovery Fund sono stati destinati a misure di energia pulita. L’ultimissimo report dell’ONU prospetta un’innalzamento delle emissioni al 2030 del 16% rispetto ai livelli del 2010.

    L’inazione intenzionale dei nostri “leader” è un tradimento di tutte le generazioni, di oggi e future. Le persone al potere non provassero a dire che ce la stanno mettendo tutta perché è palese che non lo fanno affatto. Continuano ad inaugurare nuove miniere di carbone, pozzi petroliferi e gasdotti, fanno finta con proclami di ambizioni politiche per il clima, ma poi regalano nuove concessioni per esplorare enormi futuri giacimenti petroliferi. Senza vergogna si danno le pacche sulle spalle, mentre non riescono a tirar fuori neanche un soldo del dovuto sostegno finanziario, promesso ormai anni fa, a quei paesi più impattati dagli effetti della crisi climatica. Se questo è quello che chiamano azioni sul clima, noi lo rifiutiamo.

    Invitano a convegni come questo una rosa di giovani scelti ad arte, così da dare l’impressione che ci ascoltano – ma non ascoltano. È palese che non ci ascoltano. E mai l’hanno fatto. Basta guardare i dati, le statistiche: le emissioni aumentano senza tregua. La scienza non mente. Ma siamo ancora in tempo per invertire rotta. È totalmente fattibile. Richiede l’abbattimento delle emissioni drastico, ogni anno, su una scala mai vista al mondo. E visto che mancano le soluzioni tecnologiche che, da sole, possano garantire anche solo una frazione dell’abbattimento necessario, significa che dovremo cambiare tutti.

    Non possiamo più lasciare alle persone al potere decidere cosa sia politicamente fattibile, e cosa no. Non possiamo più lasciare alle persone al potere decidere cosa sia la speranza. La speranza non è stare a guardare. La speranza non è bla bla bla. La speranza è dire la verità. La speranza è agire di conseguenza. E la speranza viene sempre dalle persone comuni. E noi, persone, vogliamo un futuro salvo, vogliamo vere azioni a salvaguardia del clima, e vogliamo giustizia climatica.

    Mi avete sentita? Cosa vogliamo? GIUSTIZIA CLIMATICA! Quando la vogliamo? ORA! I nostri “leader” dicono volentieri “ce la possiamo fare”. Ma lo dicono per finta, mentre noi lo diciamo sul serio. Noi possiamo farcela. Ne sono straconvinta. E parte dalle persone. Parte dal confronto con la realtà, per quanto possa essere doloroso. Parte con azioni vere, e parte ora e qui. Ancora: Cosa vogliamo? GIUSTIZIA CLIMATICA! Quando la vogliamo? ORA!

    Grazie.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.